francesco de rosa giornalista e scrittore

Vai ai contenuti

Menu principale:

le interviste
i temi
gli impegni civili



I grandi campioni dello sport da cui si impara molto

Pietro Mennea su tutti. Ma anche l'arbitro Marcello Nicchi, Gianni Rivera, giovani calciatori o atleti di grande prestigio. Nei loro racconti, durante le interviste che ho modo di realizzare, si aprono orizzonti di grande valore non solo per chi li segue e li stima ma anche per i tanti giovani che ne potrebbero emulare le gesta.

__________________________
Filosofi, scrittori, giuristi: testimoni del nostro tempo

Il filosofo Aldo Masullo, che fu il mio insegnate di teoretica, ma anche il giurista Francesco Paolo Casavola. E poi, Sergio Quinzio, Lucio Colletti, Sabino Acquaviva,

il papa emerito Benedetto XVI, Raffaele Nogaro, Riboldi e tanti altri tra prelati, preti di frontiera, docenti, magistrati, poeti e scrittori. Con molti di loro sono nati libri, inchieste ma soprattutto amicizie di grande valore da cui ho attinto ispirazioni e slanci.
__________________________
Cantanti, attori, autori, artisti sul filo di ogni genia
Da Eugenio Bennato a Pietra Montecorvino, da Gianni Morandi ad Anna Tatangelo passando per attori di teatro, artisti, musicisti, pittori, pittrici e tanti altri che hanno scritto canzoni, testi,raccontato epoche,

i sentimenti degli umani, le loro utopie.




Le frontiere della nuova politica

Dopo un lungo viaggio, si sono dati appuntamento nello stesso luogo, chiamato consenso o anche marketing, il giornalismo, la politica, la cultura. Così, dopo anni nel corso dei quali sembravano avere strade

diverse, abbiamo scoperto che...


La scuola

della vita ed altre cose
Si può imparare a fare l'avvocato, il giornalista, il medico, l'architetto o mille altre professioni. Si possono sapere a menadito (ma spesso non si sanno) i capisaldi dei propri mestieri. Eppure, un'attitudine difficile a dirsi comprende tutte quante...


L'impegno a favore della legalità
In Italia, come per molte cose, anche l'impegno a favore della legalità è stato monopolizzato da qualche associazione (vedi Libera ed altre meno note). Ciò che
deve diventare l'impegno di tutti è diventata la bandiera di qualcuno con profitti...


Una casa editrice per sostenere autori di talenti e di libertà

Dopo un lungo viaggio, si sono dati appuntamento nello stesso luogo, chiamato consenso o anche marketing, il giornalismo, la politica, la cultura. Così, dopo anni nel corso dei quali sembravano avere strade

diverse, abbiamo scoperto che...
__________________________

La rivista sui temi della legalità e contro ogni camorra

Si può imparare a fare l'avvocato, il giornalista, il medico, l'architetto o mille altre professioni. Si possono sapere a menadito (ma spesso non si sanno) i capisaldi dei propri mestieri. Eppure, un'attitudine difficile a dirsi comprende tutte quante...
__________________________
L'impegno a favore della legalità
In Italia, come per molte cose, anche l'impegno a favore della legalità è stato monopolizzato da qualche associazione (vedi Libera ed altre meno note). Ciò che
deve diventare l'impegno di tutti è diventata la bandiera di qualcuno con profitti...

.... fotostorie
... i miei libri
...... sfumature

-

Ipocriti e ipocrisie
Mi capita di avere diversi e più confronti con molti di quelli che incontro o che conosco. Colleghi giornalisti, colleghe, professionisti di ogni sorte, uomini semplici, donne in carriera, piccoli imprenditori o politici di ogni sorte, medici, ambulanti e molto altro. Nessuno di loro mi ha mai confidato di aver accettato compromessi, "raccomandazioni" o ogni sorte di mediazione per arrivare a fare le cose che fanno, per avere i soldi o i ruoli che hanno. A sentire loro l'Italia è una nazione fondata sulla meritocrazia e sulla giustizia. Mi è sempre sembrata la più grande ipocrisia che abbia mai sentito: ripetuta, spudorata, continua.

Le lobby ovunque
La politica è lobby. La Chiesa è lobby (per fortuna è arrivato Bergoglio). Il mondo delle associazioni è lobby. Persino chi vorrebbe combattere l'illegalità è lobby: la lobby delle associazioni nazionali che hanno fatto del crimine il nemico di cui menar vanto. Sono loro i più bravi, gli unici, i migliori, i più capillari. I partiti fanno lo stesso. Mi resta Dio: l'unico che non ha mai avuto lobby. Egli non si è mai trovato a suo agio in un tempio dedicato al culto e nemmeno dietro le processioni dove ci sono uomini e donne che chiedono solo un vantaggio per avere qualcosa. Dio ha mille visi e mille strade, come la vita, che percorrendole e amandole si arriva a Lui senza che nemmeno te ne accorgi.

Un cambio epocale
Mi sono trovato in mezzo a mille cambiamenti nei decenni che la vita finora mi ha donato. Ero ragazzo e non avevamo nessuna idea di telefonini, di web, internet o altre mille cose senza le quali oggi non sapremmo vivere. Quando ero ventenne non avevamo idea di una moneta europea o di una economia globale. Sta di fatto che in pochi decenni ho visto cose, assieme ai miei coetanei e a quelli più grandi, che nel passato avevano bisogno di passaggi epocali.
Una velocità che non spesso mette vertigini, ci impone di stare dentro un mondo nuovo con i criteri di un mondo che è già scomparso. Che era altrove. Vecchio e nuovo, ora più che mai, sono così diversi da non rassomigliarsi più e da esigere nuove categorie mentali.


Lorem Ipsum
Lorem Ipsum
Torna ai contenuti | Torna al menu